Innovazione

Nuova vita ai prodotti: cosa sono e come funzionano gli incentivi alla riparazione

18 giugno 2024

L'attenzione verso la sostenibilità e la necessità di ridurre la produzione di rifiuti ha portato in diversi Paesi all'introduzione di misure volte a promuovere pratiche ecologiche. Tra queste, gli incentivi alla riparazione stanno emergendo come strumenti efficaci per incoraggiare i consumatori a riparare i propri beni anziché sostituirli. Ma come funzionano esattamente questi incentivi e quali benefici offrono alla società e all'ambiente?

strumenti

Quali sono le tipologie di incentivi alla riparazione

Gli incentivi alla riparazione sono politiche o programmi introdotti dai governi o da enti locali per supportare finanziariamente la riparazione di beni di consumo, come elettrodomestici, dispositivi elettronici, biciclette e abbigliamento. Questi incentivi possono assumere diverse forme:

 

-sussidi diretti: alcuni governi offrono sussidi che coprono una parte del costo della riparazione. Ad esempio, il governo francese ha introdotto un bonus riparazione che copre fino al 25% del costo di riparazione degli elettrodomestici;

 

-credito d'imposta: i consumatori possono detrarre una parte delle spese di riparazione dalla loro dichiarazione dei redditi;

 

-voucher: In alcuni casi, i consumatori ricevono voucher o buoni che possono essere utilizzati presso centri di riparazione autorizzati.

 

Un’altra strategia è quella di fornire supporto alle officine di riparazione. In questo modo non sono solo i consumatori ad avere dei benefici economici ma anche officine e tecnici hanno la possibilità di accedere a finanziamenti che permettono l'acquisto di strumenti e attrezzature, o per la formazione tecnica.

La riparazione genera valore: gli esempi che arrivano dall’Europa

Gli incentivi alla riparazione non solo contribuiscono a ridurre la produzione di rifiuti, ma innescano benefici su più livelli. Infatti, promuovere la cultura della riparazione anziché la sostituzione contribuisce a un'economia circolare, dove i prodotti vengono mantenuti in uso il più a lungo possibile, riducendo la necessità di nuove risorse e minimizzando l'impatto ambientale.

 

Riparare comporta anche un risparmio significativo per i consumatori. Infine è bene sottolineare che grazie agli incentivi alla riparazione si può contribuire alla creazione di posti di lavoro:per rispondere alla domanda di riparazione servono infatti tecnici specializzati.

 

A portare avanti programmi che mettono al centro la riparazione ci sono diversi Paesi. Ciascuno ha pensato a strategie, modalità e incentivi differenti. In Francia il “bonus riparazione” è stato introdotto nel 2022 e come viene spiegato sul sito Right to Repair varia “a seconda del tipo di dispositivo, tra 7 e 50 euro: ad esempio 10 euro  per la riparazione di una macchina per il caffè e 50 euro per la riparazione di un computer”.

 

In Austria chi vuole riparare dispositivi elettrici ed elettronici può accedere a un finanziamento massimo di 200 euro o equivalente al 50% dell'importo della fattura.

Altro caso è la Svezia che ha ridotto l'IVA sulle riparazioni di biciclette, abbigliamento e scarpe, rendendo le riparazioni più convenienti per i consumatori.

 

I programmi di finanziamento per le riparazioni stanno guadagnando popolarità in tutta Europa e ricevono feedback positivi dalla popolazione.

Incentivi alla riparazione, un passo verso un futuro sostenibile

Tutti i programmi che forniscono sostegno finanziario per le riparazioni hanno ottenuto risultati positivi. Sono strumenti importanti per sensibilizzare i consumatori. In Francia, dopo l’attivazione del fondo per le riparazioni, sono state effettuate oltre 165.000 riparazioni; in Austria, invece, dall'introduzione dei buoni riparazione sono stati pagati oltre 840.000 buoni.

 

I sussidi per i costi di riparazione possono portare a una riduzione della domanda di nuovi prodotti, riducendo così l’impatto ambientale e climatico dei nostri consumi. Ciò è particolarmente vero quando i sistemi di incentivi per le riparazioni sono combinati con altre misure. Per rendere le riparazioni nuovamente più facili e accessibili nella nostra società, è necessario rimuovere le barriere strutturali e consentire un mercato delle riparazioni equo e privo di discriminazioni.


Gli incentivi alla riparazione rappresentano una risposta intelligente e pratica alla crescente crisi dei rifiuti e al degrado ambientale. Promuovendo la riparazione anziché la sostituzione, non solo si riduce l'impatto ambientale, ma si sostengono anche economie locali e si promuove una cultura della sostenibilità. Continuando a sviluppare e perfezionare questi incentivi, possiamo fare un passo significativo verso un futuro più verde e sostenibile.

L'articolo ti è piaciuto?
Ricevi la newsletter o iscriviti al canale Whatsapp!

Ricevi mensilmente la newsletter Everyday direttamente su Linkedin o ricevi aggiornamenti settimanali su Whatsapp: sarai aggiornato sulle ultime novità in tema di innovazione, economia circolare, scenari climatici e sfide legate alla sostenibilità. 

Potrebbe interessarti

Green
Iren lancia l’osservatorio RigeneRare, un Hub sull'economia circolare delle materie prime critiche
L’obiettivo è sviluppare tecnologie avanzate di recupero e riciclo, instaurando una filiera nazionale resiliente che supporti un approvvigionamento sicuro e diversificato.
Green
Iren Riceve il Premio “PIMBY Green 2024” per il Progetto "The Heat Garden"
The Heat Garden rappresenta un nuovo modo di concepire l'energia, combinando risorse rinnovabili con un miglioramento dell'efficienza energetica.
Green
Iren luce gas e servizi inaugura un nuovo impianto sportivo nel cuore di Genova
La creazione del nuovo impianto sportivo di Valletta Cambiaso si inserisce in un più ampio progetto volto a migliorare gli impianti sportivi di Genova, portando benefici duraturi alla comunità.
Green
Transizione ecologica e crescita sostenibile, la visione strategica di Iren nell’aggiornamento del Piano industriale 2024-2030
L'aggiornamento del piano industriale di Iren prevede investimenti lordi per 8,2 miliardi di euro, con il 60% destinato a investimenti di sviluppo e il 40% a mantenimento.
Green
Iren sponsor di CinemAmbiente, ambiente e clima al centro del racconto cinematografico
Quest’anno sono ben 76 i film presentati da 27 Paesi, in rappresentanza di 4 continenti. Ecco quali sono i temi.
Green
The Heat Garden: un'eccellenza di innovazione e sostenibilità all'Open House Torino
Quest'anno l'evento ha incluso oltre 150 edifici e 12 tour gratuiti, coinvolgendo anche l’impianto Iren esempio di innovazione e sostenibilità.