73,2 milioni

di m3

Riscaldati a Torino

e comuni limitrofi

Calore per le città

Con il servizio di teleriscaldamento, il Gruppo Iren produce e fornisce ai clienti l’energia termica necessaria per il riscaldamento degli ambienti e per la produzione di acqua calda igienico sanitaria.

13,7 milioni

di m³

Riscaldati a Reggio Emilia

Calore per le città

Con il servizio di teleriscaldamento, il Gruppo Iren produce e fornisce ai clienti l’energia termica necessaria per il riscaldamento degli ambienti e per la produzione di acqua calda igienico sanitaria.

6,2 milioni

di m³

Riscaldati a Parma

Calore per le città

Con il servizio di teleriscaldamento, il Gruppo Iren produce e fornisce ai clienti l’energia termica necessaria per il riscaldamento degli ambienti e per la produzione di acqua calda igienico sanitaria.

2,1 milioni

di m³

Riscaldati a Piacenza

Calore per le città

Con il servizio di teleriscaldamento, il Gruppo Iren produce e fornisce ai clienti l’energia termica necessaria per il riscaldamento degli ambienti e per la produzione di acqua calda igienico sanitaria.

3,7 milioni

di m³

Riscaldati a Genova

Calore per le città

Con il servizio di teleriscaldamento, il Gruppo Iren produce e fornisce ai clienti l’energia termica necessaria per il riscaldamento degli ambienti e per la produzione di acqua calda igienico sanitaria.

La nostra rete

La rete del teleriscaldamento, progettata e gestita da Iren Energia, si sviluppa nelle città di Torino (area metropolitana con i Comuni di Torino, Beinasco, Collegno, Grugliasco Moncalieri, Nichelino e Rivoli), Reggio Emilia, Parma, Genova e Piacenza, per un totale di quasi 99 milioni di m³ riscaldati e circa 900.000 abitanti serviti. Oltre l’80% dell'energia immessa in rete viene prodotta attraverso impianti di cogenerazione ad alto rendimento, dato eccezionale ottenuto grazie all'uso di accumulatori di calore installati nelle centrali e lungo la rete.

Come funziona

Il Teleriscaldamento è un servizio di riscaldamento a distanza che permette di trasportare il calore dalle centrali di produzione alle singole utenze attraverso un’estesa rete di tubazioni interrate. Il calore, sotto forma di acqua calda o surriscaldata, viene prodotto in moderne centrali con caratteristiche d’avanguardia sotto i profili ambientale e tecnologico. Tramite la rete di distribuzione del calore, l’acqua raggiunge i singoli edifici e, in luogo delle vecchie caldaie, ne assicura il riscaldamento, oltre che essere disponibile per produzione di acqua calda sanitaria.

Vantaggi

Sostenibile, conveniente e sicuro: il teleriscaldamento è uno dei servizi più efficaci per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica nei centri urbani. Le più recenti normative italiane ed europee ne riconoscono la validità ambientale e prevedono che tutti i nuovi edifici, costruiti a meno di un chilometro da una rete di teleriscaldamento esistente, abbiano la predisposizione per poter essere allacciati alla rete.

Convenienza

Nessuna spesa per acquisto e manutenzione della caldaia e realizzazione delle canne fumarie.

Sostenibilità

La riduzione del numero dei camini e il controllo delle emissioni perette di avere più pulita in città 

Risparmio

Data l'assenza di combustione, si semplificano gli interventi di installazione e di manutenzione degli impianti.

Sicurezza

Si eliminano i rischi legati alla combustione per il riscaldamento. 

Comfort

Accensione, spegnimento e regolazione del riscaldamento sono personalizzati.

Semplicità

Nessuna gestione per la caldaia, nessun vincolo normativo per le canne fumarie, nessun controlli periodico delle emissioni o esigenza di certificazioni.

Specifiche necessarie per l'allaccio

Per poter allacciare uno stabile alla rete del teleriscaldamento è necessario che siano soddisfatte le seguenti condizioni tecniche essenziali:

 

  • Presenza di un impianto di riscaldamento di tipo centralizzato

 

  • Temperatura massima di funzionamento dell’impianto interno 80 °C (temperatura di mandata circuito di riscaldamento secondario)

 

  • Temperatura massima di ritorno circuito interno 65-68 °C. Tale prescrizione è legata all’esigenza di garantire una temperatura massima di ritorno sulla rete di teleriscaldamento di 70 °C

 

  • Disponibilità di un locale (centrale termica) per poter ospitare la Sottostazione di Scambio Termico.

Modalità di allacciamento

L'allacciamento di un cliente alla rete di teleriscaldamento prevede una serie di attività preliminari che partono dalla richiesta di preventivo da parte del cliente e terminano con l'attivazione della fornitura del servizio. L'obiettivo di Iren è quello di fornire rapidamente al cliente i seguenti elementi utili alla decisione in merito all'allacciamento alla rete di teleriscaldamento:

Contributo di allacciamento e attività incluse

Il contributo di allacciamento rappresenta l’importo che il cliente versa, una tantum, come partecipazione agli investimenti sostenuti da Iren per l’allacciamento. È tipicamente un valore molto inferiore rispetto all’importo complessivo dei lavori e include le seguenti attività propedeutiche all’allacciamento:

 

1. Fase di preventivazione:

  • Gestione della richiesta di preventivo: comprende tutte le attività di interfacciamento tra Iren ed il cliente, al fine di gestire la richiesta di un nuovo allacciamento alla rete di teleriscaldamento;

 

  • Verifica idraulica e progettazione: sulla base delle informazioni ricevute, Iren effettua una serie di verifiche tecniche per accertare che siano rispettati i parametri tecnici di progettazione e determinare le caratteristiche tecniche dell’allacciamento;

 

  • Elaborazione del preventivo: comprende la stima degli investimenti e la determinazione del contributo di allacciamento da richiedere al cliente.

 

2. Fase di allaccio successiva alla sottoscrizione dell’impegno di allacciamento e all’accettazione del preventivo da parte del cliente:

  • Progetto esecutivo: Iren esegue un sopralluogo esecutivo presso il sito volto a generare una Relazione Tecnica che costituisce il progetto esecutivo dell’intervento che viene inviata all’Amministratore;

 

  • Acquisizione permessi e istruzione pratica INAIL: comprende le attività di predisposizione della documentazione progettuale per il rilascio delle autorizzazioni e, in caso di impianti con potenza >35 kW e temperatura >110°C, anche la certificazione INAIL di possesso dei requisiti di sicurezza dell’impianto;

 

  • Lavori di scavo e posa tubazioni: ottenute le autorizzazioni, si procede con la cantierizzazione dell’area di lavoro e si avviano le attività di scavo e posa tubazioni;

 

  • Installazione della sottostazione di scambio termico: comprende la posa della SST e il collegamento con l’impianto del cliente;

 

  • Smantellamento (eventuale) del generatore esistente: in caso di insufficiente spazio nel locale centrale termica, si procede con le attività di rimozione e smaltimento del generatore di calore esistente;

 

  • Ripristini stradali: trascorso un tempo adeguato per consentire l’assestamento dei ripristini provvisori, viene eseguito il ripristino definitivo del suolo stradale manomesso;

 

  • Attivazione fornitura: comprende l’attività di messa in esercizio della rete e della sottostazione di scambio termico per la fornitura richiesta (riscaldamento, acqua calda sanitaria e/o raffrescamento), a seguito di sottoscrizione del contratto di fornitura.

 

Il contributo di allacciamento richiesto al cliente è determinato in base ad un’analisi economica che tiene conto dei flussi di cassa. Nel caso di utenze poste in prossimità della rete già esistente (che, quindi, non comportino estensioni o potenziamenti di rete), l’importo del contributo di allacciamento è definito a forfait in funzione della volumetria dell’edificio da riscaldare secondo il seguente schema:

 

 

Volumetria riscaldata 

Fino a 2.499 m³

Da 2.500 m³ a 3.499 m³ 

Da 3.500 m³ a 4.999 m³

Da 5.000 m³ a 7.499 m³

Da 7.500 m³ a 9.999 m³

Da 10.000 m³ a 14.999 m³

Da 15.000 m³ a 19.999 m³

Da 20.000 m³ a 24.999 m³

Da 25.000 m³ a 29.999 m³

Da 30.000 m³ a 39.999 m³

Da 40.000 m³ a 49.999 m³

Contributo di allacciamento 

(IVA esclusa)

6.000 €

7.500 €

9.500 €

10.200 €

11.700 €

14.600 €

17.400 €

20.300 €

23.200 €

29.000 €

34.700 €

Espandi tabella

In fase di campagne commerciali o in casi particolari, Iren potrebbe applicare scontistiche fino al 50% rispetto ai valori di forfait.

Attività a carico del cliente

Sebbene ogni allacciamento richieda un progetto con peculiarità specifiche, generalmente sono presenti anche attività da eseguirsi a carico del cliente e che, pertanto, non sono incluse nel contributo di allacciamento. Tali attività sono propedeutiche alla realizzazione dell’allacciamento, vengono sempre indicate nel preventivo di allacciamento e, in generale, possono comprendere:

 

  • interventi di adeguamento del locale centrale termica e/o dell’impianto secondario di proprietà del cliente (ad esempio, trasformazione del circuito di espansione da vaso aperto a vaso chiuso, sostituzione delle pompe di circolazione, verifica del quadro elettrico e messa a terra di centrale, ecc.);

 

  • risoluzione di eventuali rischi ambientali che possano sospendere l’attività di allacciamento in attesa di risoluzione da parte del cliente (in particolare, nel caso di rinvenimento di materiale con fibra di amianto/fibre artificiali vetrose, l’Amministratore dovrà farsi carico di bonificare e rilasciare attestato di Legge di idoneità dei locali);

 

  • ottenimento delle autorizzazioni al passaggio nel caso in cui le tubazioni debbano attraversare spazi privati di terzi (sebbene il progetto cercherà il più possibile di limitare il passaggio delle tubazioni ai soli spazi condominiali o pubblici).

Ulteriori attività eseguibili su richiesta del cliente

Oltre alle attività necessarie all’allacciamento, Iren potrà svolgere su richiesta del cliente ulteriori attività sull’impianto, per le quali indicherà nel preventivo i relativi costi (aggiuntivi rispetto al contributo di allacciamento).

Richiesta preventivo di allacciamento alla rete di teleriscaldamento

Il Gruppo Iren gestisce la rete di teleriscaldamento per le seguenti aree territoriali:

 

Area metropolitana di Torino

  • Torino

 

  • Beinasco

 

  • Collegno

 

  • Grugliasco

 

  • Moncalieri

 

  • Nichelino

 

  • Rivoli

 

Genova

Parma

Piacenza

Reggio Emilia.

 

Per inviare una richiesta di preventivo è necessario compilare il modulo web. In alternativa, è possibile stampare e compilare il  modulo dedicato, scaricabile di seguito, ed inviarlo via mail a commerciale.tlr@irenmercato.it oppure spedirlo o consegnarlo ai seguenti indirizzi:

 

  • Area metropolitana di Torino (Comuni di Torino, Beinasco, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino e Rivoli) e Comune di Genova 

Iren Mercato SpA - Uffici di Torino - via Giordano Bruno 25 - 10134 Torino

 

  • Comuni di Parma, Piacenza e Reggio Emilia 

Iren Mercato SpA - Uffici di Parma - strada S. Margherita 6/A - 43123 Parma

 

Modulo Web di richiesta preventivo di allacciamento

Richiesta preventivo di allacciamento

Modalità di recesso

Qualora un cliente allacciato alla rete di teleriscaldamento intenda chiedere il recesso dal contratto, potrà presentare in qualunque momento una richiesta di disattivazione della fornitura oppure di scollegamento dalla rete.

 

Come specificato anche da ARERA, con la disattivazione della fornitura si intende la sospensione temporanea dell’erogazione del servizio, senza che sia prevista la rimozione di elementi della sottostazione di scambio termico; lo scollegamento, invece, comprende, in aggiunta rispetto alla disattivazione, anche la rimozione permanente della sottostazione di scambio termico e di eventuali altre parti di impianto di proprietà di Iren.

 

Sia la disattivazione sia lo scollegamento non prevedono corrispettivi o altri oneri per il cliente, ad eccezione di quelli già indicati nei documenti contrattuali (eventuale corrispettivo di salvaguardia residuo ed eventuale rateizzazione residua del contributo di allacciamento).

Disattivazione della fornitura e attività incluse

Nel caso in cui un cliente chieda la disattivazione della fornitura di teleriscaldamento con un periodo di preavviso di almeno un mese, Iren procede alla sospensione del servizio, ponendo in atto le seguenti attività:

 

  • Gestione della richiesta: comprende tutte le attività di interfacciamento tra Iren ed il cliente, al fine di gestire la richiesta di disattivazione della fornitura;

 

  • Chiusura e sigillatura delle valvole di intercettazione: comprende le attività di chiusura delle valvole di intercettazione poste sul tratto di rete di teleriscaldamento e sull’impianto del cliente al fine di isolare la sottostazione di scambio termico. Nel caso in cui, per ragioni tecniche, non sia possibile effettuare la sigillatura delle valvole di intercettazione, Iren porrà in essere altri interventi atti a impedire al cliente di prelevare energia dalla rete;

 

  • Effettuazione lettura di cessazione: Iren provvederà ad effettuare la lettura del contatore con il valore di consumo di cessazione;

 

  • Emissione della fattura di chiusura: sulla base della lettura di cessazione, il cliente riceverà la fattura di chiusura del rapporto contrattuale.

Scollegamento dalla rete e attività incluse

Le attività di scollegamento saranno sempre svolte in modo da:

 

  • Contenere il più possibile l’eventuale disservizio per le altre utenze allacciate;

 

  • Ripristinare la continuità idraulica della rete nel minor tempo possibile.

 

Nel caso in cui un cliente chieda lo scollegamento dalla rete di teleriscaldamento, con un periodo di preavviso di almeno un mese, Iren procede a porre in atto le seguenti attività, aggiuntive rispetto al caso di disattivazione:

 

  • Eventuale sopralluogo iniziale: se necessario, Iren effettua un sopralluogo volto a definire le modalità operative di scollegamento della sottostazione di scambio termico;

 

  • Scollegamento e rimozione della sottostazione di scambio termico: comprende l’interruzione fisica del collegamento della sottostazione di scambio termico e la rimozione della stessa e dei suoi componenti, qualora di proprietà di Iren (scambiatore di calore, valvole, gruppo di misura, ecc.);

 

  • Disalimentazione elettrica della sottostazione di scambio termico: comprende la rimozione del quadro elettrico di regolazione della sottostazione di scambio termico;

 

  • Presentazione di un’offerta per rimozione di ulteriori componenti: su domanda del cliente in fase di richiesta di scollegamento, qualora il contratto di fornitura preveda ulteriori componenti, necessari alla fornitura di calore, di proprietà del cliente, Iren potrà presentare un’offerta anche per la rimozione di tali componenti;

 

  • Intercettazione della rete di teleriscaldamento: è l’insieme delle attività di intercettazione del circuito idraulico di allacciamento a monte della proprietà privata del cliente, ove tale circuito non serva altri clienti.

La richiesta di disattivazione e la richiesta di scollegamento possono essere richieste dal cliente, compilando il modulo web.

 

In alternativa, è possibile stampare e compilare il modulo dedicato, scaricabile di seguito, e inviarlo via mail a info.teleriscaldamento@irenmercato.it oppure  spedirlo o consegnarlo ai seguenti indirizzi:

 

  • Area metropolitana di Torino (Comuni di Torino, Beinasco, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino e Rivoli) e Comune di Genova - Iren Mercato SpA - Uffici di Torino - via Giordano Bruno 25 - 10134 Torino;

 

  • Comuni di Parma, Piacenza e Reggio Emilia - Iren Mercato SpA - Uffici di Parma - strada S. Margherita 6/A - 43123 Parma

Modulo web di richiesta recesso teleriscaldamento

Modulo richiesta recesso teleriscaldamento

Assistenza

Informazioni utili, vantaggi e indicazioni pratiche sui nostri servizi: siamo qui per aiutarti, risolvere i tuoi dubbi e rispondere alle tue domande.

Che cos’è il contributo di allacciamento?

Il contributo di allacciamento rappresenta l’importo che il Cliente versa, una tantum, come partecipazione agli investimenti sostenuti da Iren per l’allacciamento. Sebbene ogni allacciamento abbia peculiarità specifiche, generalmente il contributo di allacciamento va a coprire solo una minima parte dell’investimento sostenuto da Iren ed è, pertanto, molto competitivo rispetto all’acquisto di una nuova caldaia.

Se nella strada dove abito non è presente la rete, posso fare richiesta di allacciamento?

Assolutamente sì: sarà nostra cura valutare il miglior percorso per estendere la rete di teleriscaldamento fino a raggiungere il punto di fornitura e, se l’investimento è sufficiente sostenibile e non ci sono criticità dal punto di vista idraulico, predisporremo il miglior preventivo per l’allacciamento alla rete di teleriscaldamento.

Per richieste di pronto intervento, a chi posso rivolgermi?

In caso di necessità, per ricevere assistenza tecnica o segnalare guasti alla rete è possibile contattare il numero verde 800.255533; ricordiamo che il Pronto Intervento è attivo 24 ore su 24.