Energia

Iren a Ecomondo, l'evento di riferimento in Europa per la transizione ecologica

14 novembre 2023

Innovazione, internazionalità e inclusione: sono tre le “I” che hanno caratterizzato l’edizione di Ecomondo 2023. Temi in linea con le strategie e il Piano industriale @2030 di Iren e che hanno visto il Gruppo tra i protagonisti della fiera di quest’anno.

 

Ma che cos’è Ecomondo? Può essere definita come l’expo italiana dell’economia circolare e costituisce un punto di incontro e di dialogo tra industrie, stakeholder, policy maker, opinion leader, autorità locali. Così Ecomondo, noto anche come “The Green Technology Expo”, raccoglie e mette a sistema gli elementi chiave che definiscono le strategie di sviluppo della politica ambientale dell’Unione Europea. Il Gruppo Iren ne è stato parte attiva, con diversi panel e attività: ecco come è andata.

 

L’approccio green e internazionale di Ecomondo

Ecomondo va oltre i confini nazionali e nel corso degli anni si è affermato come l’evento internazionale di riferimento in Europa e nel bacino del Mediterraneo per le tecnologie, i servizi e le soluzioni industriali nei settori della green and circular economy. Hub di ricerca e innovazione, ospita le principali aziende di servizi, soluzioni e tecnologie del settore ambientale: dalla gestione delle acque allo smaltimento dei rifiuti, dal tessile alle bioenergie, dalla gestione e tutela dei suoli fino ai trasporti, l’agricoltura e le città sostenibili.

 

L’edizione di quest’anno, tenutasi dal 7 al 10 novembre alla Fiera di Rimini, conferma il suo successo: quattro giornate di manifestazioni, con 80 eventi e oltre 200 ore di contenuti tra convegni e workshop, dislocati in più di 150 mila metri quadrati di esposizione.

ecomondo

I temi dell’edizione 2023

Ogni anno Ecomondo propone un ampio programma di conferenze, seminari ed eventi volti ad approfondire le principali novità a livello tecnologico, normativo e di mercato.

 

Questa 26esima edizione ha avuto come focus:

  • lo stato di implementazione nazionale delle priorità e dei progetti PNRR con particolare attenzione alle filiere RAEE, carta-cartone, tessile, plastica
  • lo stato di adozione, a livello europeo e internazionale, dell’economia circolare in termini di efficienza nei processi e nei prodotti, ecodesign, riciclo e uso delle materie prime seconde nelle filiere industriali dei settori tessile, RAEE, plastica, carta-cartone e costruzioni ma anche nell’ambito dell’agrifood, delle bioraffinerie, della foresta-legno e delle città;
  • il ripristino e la rigenerazione degli ecosistemi, dei suoli e dell’idrosfera con approfondimenti sulla produzione e valorizzazione sostenibili delle risorse agro-forestali (con la produzione di cibo, legno, carta, composti chimici, materiali e energie), l’uso sostenibile della risorsa idrica e del mare (blue economy), la gestione e valorizzazione integrata delle acque reflue e dei rifiuti organici municipali;
  • le città verdi e circolari, più fresche e salutari, più efficienti nella gestione e consumo del cibo e nell’uso della risorsa idrica e dell’energia e nella gestione e valorizzazione dei rifiuti generati;
  • la ricerca, l’innovazione e i finanziamenti europei attraverso nuove normative e procedure, con la creazione di start up e grazie a investimenti in formazione e comunicazione.

 

Partecipare a Ecomondo, dunque, ha significato:

 

  • incontrare stakeholder e professionisti che operano nei settori della green&circular economy;
  • stringere nuove partnership e rapporti commerciali per lo sviluppo futuro del tuo business;
  • informarsi sulle ultime novità del settore, sui principi normativi, sulle possibilità di sviluppo;
  • condividere idee, progetti, tecnologie, novità e buone pratiche al servizio della transizione ecologica.

 

panel

Le quattro giornate attraverso la lente del Gruppo Iren

Il Gruppo Iren ha preso parte a Ecomondo con un fitto palinsesto di incontri in cui sono state approfondite le tematiche legate a economia circolare e transizione ecologica: una serie di panel hanno spiegato l’impatto delle filiere e delle attività degli impianti di Iren, insieme ai progetti di formazione che vedono le scuole protagoniste. Tutto accompagnato da momenti di condivisione di esperienze, come i racconti dei green influencer che hanno declinato in modo semplice e diretto gli argomenti più quotidiani legati alla mission di sostenibilità di Iren.

 

In particolare, durante la prima giornata, si sono alternati momenti di leggerezza e di approfondimento. Nel panel “Materie prime critiche ed economia circolare” si è discusso con esperti del settore le strategie e le soluzioni innovative che possono mitigare il rischio di carenza di materie prime critiche. Hanno preso parte al confronto Luca Dal Fabbro, Presidente Gruppo Iren; Mauro Pergetti, Direttore Impianti Iren Ambiente; Omar Antonio Cescut, Dir. Commerciale, Marketing e Com. BTT e Andrea Moccia, Direttore editoriale di Geopop che, in linea con le collaborazioni già avviate con Iren, ha curato un approfondimento sul ruolo della comunicazione nella divulgazione delle tematiche di sostenibilità.

 

“Nell’ultimo anno abbiamo investito più di 400 milioni di euro in impianti circolari - ha ricordato il presidente Iren Dal Fabbro durante il panel – “Stiamo installando anche impianti di energia rinnovabile e investendo centinaia di milioni in questo settore perché ci crediamo, vogliamo diventarne il leader in Italia. Potremmo essere per il 20% indipendenti dalle importazioni di materie prime critiche se installassimo una decina di impianti in Italia”.

 

Tra gli ospiti protagonisti delle varie attività, anche le nuove generazioni come gli studenti della classe IV del liceo Bertolucci di Parma che si sono aggiudicati il Premio Planet Fan Eduiren 2022. Inoltre, una live performance della band Capone & BungtBangt ha portato i visitatori a immergersi completamente nell’atmosfera curata dal Gruppo Iren, tra cultura e momenti di condivisione.

 

Nella giornata del’8 novembre, invece, lo stand Iren allestito in tema Circular Wood ha permesso di approfondire il processo di trasformazione e di riciclo del legno di scarto: lo stesso che avviene nell’impianto. Un’occasione ricca di spunti che ha permesso di raccontare i processi innovativi che Iren mette in atto nel recupero del legno, le cui potenzialità sono state ben spiegate da Eugenio Bertolini, AD Iren Ambiente, Marco Arletti, CEO CHIMAR e Nicola Semeraro, Presidente di Rilegno.

 

Un ospite speciale ha poi concluso la giornata in maniera creativa e ispirazionale: Matteo Moras, noto come Mattley, l'artigiano digitale, attraverso le sue opere realizzate proprio con scarti di legno ha dimostrato come l’arte possa sposarsi perfettamente con la sostenibilità.

 

Dall'implementazione dei sistemi di raccolta differenziata alle nuove tecnologie del riciclo: questo, invece, il tema chiave della terza giornata di Ecomondo e di cui si è discusso allo stand Iren durante il panel “Gruppo Iren: filiere e tecnologie per le materie prime seconde”, a cui hanno partecipato Roberto Conte, AD I.BLU Srl; Francesco Perazzini, CEO e Co-founder ReMat; Alessandro Fabbrini, Presidente Sei Toscana e Francesca Priora, Direttrice Sostenibilità Tetra Pak.

 

Nel pomeriggio, la green content creator e founder di Parla Sostenibile Silvia Moroni ha approfondito il tema dell’upcycling illustrandone forme e idee creative. Infine, per il Gruppo Iren, l’ultima giornata di Ecomondo ha visto concretizzarsi la sinergia con AICA (Associazione Internazionale Comunicazione Ambientale), per perseguire insieme l’obiettivo comune di promuovere la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (SERR).

Il prossimo appuntamento con Ecomondo

Per questa 26esima edizione Ecomondo si conclude. Ma non si ferma qui. È già in programma l’edizione 2024, prevista dal 5 al 8 novembre 2024 a Rimini e si occuperà di organizzare, promuovere incontri digitali - e non - durante tutto l’anno: occasioni per affrontare i temi legati allo stato di implementazione dei progetti PNRR e allo stato di adozione dell’economia circolare nelle principali filiere industriali, oltre al ripristino e la rigenerazione ecologica dei suoli e dell’idrosfera, delle coste e delle città. Anche e soprattutto in termini di giustizia sociale.

 

L'articolo ti è piaciuto?
Iscriviti alla newsletter!

Ricevi mensilmente la newsletter Everyday direttamente su Linkedin: sarai aggiornato sulle ultime novità in tema di innovazione, economia circolare, scenari climatici e sfide legate alla sostenibilità

Potrebbe interessarti

Green
Diffondere la cultura della sostenibilità attraverso l’arte: chi sono i vincitori di “Cabine d’artista”
Annunciati i vincitori del bando, promosso da IRETI, società del Gruppo Iren, e dalla Città di Torino, per raccontare i valori e le sfide della sostenibilità per la città.
Innovazione
Iren vince il Premio Top Utility 2024
Un riconoscimento concreto dell’impegno del Gruppo nei servizi offerti ai territori e nella lungimiranza delle sue scelte strategiche.
Green
Iren e Altamin, un patto per il futuro energetico sostenibile
Sei licenze esplorative per il recupero di litio e potenzialmente di altri minerali strategici dalle salamoie geotermiche: ecco cosa prevede l’accordo.
Green
Il Gruppo Iren si aggiudica il Premio: Top Utility 2024
Giunta alla sua dodicesima edizione, Il Gruppo Iren si è aggiudicato il premio Top Utility Assoluto 2024 nell’ambito del convegno “Le utility, governare le complessità”, organizzato da ALTHESYS Strategic Consultants.
Green
Grattacielo di Reggio Emilia, conclusi i lavori di riqualificazione: la nuova vita dell’edificio simbolo
Il progetto ha riguardato interventi strutturali locali e di efficientamento energetico, nel segno della sostenibilità.
Energia
La squadra Iren corre con “Just The Woman I Am” a supporto della ricerca contro il cancro
L'obiettivo comune è raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro attraverso una corsa/camminata di 5 km non competitiva.