Innovazione

Ecodesign, come funziona il "passaporto digitale di prodotto" che promuove l'economia circolare

13 giugno 2024

 

 

Tracciare e documentare la sostenibilità dell’oggetto acquistato, facilitare la progettazione ecosostenibile e migliorare la riparazione e il riciclo: sono questi gli obiettivi a cui risponde il passaporto digitale di prodotto, tra le azioni previste dal Regolamento Ecodesign approvato dal Parlamento europeo.

 

La normativa mette al centro la durata di vita di un prodotto che, come indica il testo, non dovrebbe mai essere limitata da caratteristiche progettuali: questo significa che i prodotti devono essere progettati in modo da durare più a lungo ed essere facilmente riparabili e riciclabili. Ecco in che modo il passaporto digitale rientra in questa mission.he nelle tecnologie green. 

dipendente

Cos'è e come funziona il passaporto digitale di prodotto

Il passaporto digitale di prodotto è un sistema che raccoglie, digitalizza e rende accessibili le informazioni su un prodotto lungo tutto il suo ciclo di vita: dalla produzione alla distribuzione, dall'uso allo smaltimento. Questo passaporto contiene dati cruciali come la provenienza delle materie prime, i processi di produzione, le certificazioni ottenute, l'impronta ecologica, le condizioni di trasporto e le modalità di riciclo.

Per mettere in pratica il passaporto digitale di prodotto bisogna tenere presenti dei criteri chiave. Tra questi rivestono un ruolo fondamentale:

 

-la raccolta dei dati: devono essere raccolte informazioni in ogni fase del ciclo di vita del prodotto. Questi dati possono includere dettagli sulla provenienza delle materie prime, i processi di produzione, le certificazioni ottenute e le condizioni di trasporto, gli impatti ambientali, le condizioni di lavoro lungo la catena di approvvigionamento e informazioni sulla sicurezza.

 

-la digitalizzazione: una volta raccolte, le informazioni vengono digitalizzate e memorizzate in un database centrale. Ogni prodotto è associato a un identificativo unico, come un codice a barre. Un QR code consentirà l'accesso ai dati.

 

-l’accessibilità: è indispensabile che i consumatori possano accedere facilmente alle informazioni. Questo sarà reso possibile grazie a un’app per smartphone o una piattaforma web.

 

-trasparenza e tracciabilità: sono due valori strategici per tutti gli attori coinvolti. In questo modo i consumatori possono verificare l'autenticità e la qualità dei prodotti, le aziende possono monitorare la conformità normativa e le pratiche sostenibili, e le autorità possono utilizzare queste informazioni per effettuare controlli e intervenire con regolamentazioni.

Le opportunità del passaporto e su cosa occorre lavorare

La possibilità di accedere in modo trasparente a informazioni dettagliate sui prodotti che i consumatori acquistano, oltre ad aumentare la fiducia e l'informazione, contribuisce a calcolare l’impatto dei prodotti stessi.

 

In questo modo le aziende sono incentivate a seguire pratiche sostenibili sapendo che i dati saranno visibili ai consumatori, promuovendo un comportamento più responsabile. Questo innesca anche dei meccanismi collegati che permettono anche ai lavoratori delle varie filiere di essere più tutelati.

 

Tuttavia, allo stato attuale, le informazioni disponibili sono carenti. Per i progettisti, conoscere l’utilizzo effettivo dell’oggetto consentirebbe, infatti, di ottimizzare sia le componenti utilizzate sia il loro funzionamento. Inoltre, i feedback da parte dei consumatori potrebbero essere un punto di svolta nel miglioramento delle prestazioni dei prodotti. Un altro punto su cui occorre lavorare è la standardizzazione: affinché i passaporti possano essere efficaci, è necessaria una standardizzazione a livello comunitario nelle dichiarazioni di sostenibilità e di tracciabilità da parte dei produttori per poter condividere informazioni verificate e verificabili in modo semplice.

 

I passaporti digitali saranno introdotti probabilmente a partire dal 2026 ed entreranno in vigore in maniera progressiva a seconda della categoria di prodotti.

Superare i limiti alla loro implementazione è particolarmente importante poiché i passaporti digitali di prodotto rappresenterebbero una svolta significativa verso un'economia più trasparente, responsabile e sostenibile. Questa innovazione, infatti, non solo facilita un rapporto più informato tra produttori e consumatori, ma contribuisce anche a proteggere l'ambiente e a promuovere pratiche aziendali etiche. Con l'adozione crescente di questa tecnologia, possiamo aspettarci un futuro in cui ogni prodotto racconta la sua storia, garantendo trasparenza e fiducia in ogni acquisto.

L'articolo ti è piaciuto?
Ricevi la newsletter o iscriviti al canale Whatsapp!

Ricevi mensilmente la newsletter Everyday direttamente su Linkedin o ricevi aggiornamenti settimanali su Whatsapp: sarai aggiornato sulle ultime novità in tema di innovazione, economia circolare, scenari climatici e sfide legate alla sostenibilità. 

Potrebbe interessarti

Green
Iren lancia l’osservatorio RigeneRare, un Hub sull'economia circolare delle materie prime critiche
L’obiettivo è sviluppare tecnologie avanzate di recupero e riciclo, instaurando una filiera nazionale resiliente che supporti un approvvigionamento sicuro e diversificato.
Green
Iren Riceve il Premio “PIMBY Green 2024” per il Progetto "The Heat Garden"
The Heat Garden rappresenta un nuovo modo di concepire l'energia, combinando risorse rinnovabili con un miglioramento dell'efficienza energetica.
Green
Iren luce gas e servizi inaugura un nuovo impianto sportivo nel cuore di Genova
La creazione del nuovo impianto sportivo di Valletta Cambiaso si inserisce in un più ampio progetto volto a migliorare gli impianti sportivi di Genova, portando benefici duraturi alla comunità.
Green
Transizione ecologica e crescita sostenibile, la visione strategica di Iren nell’aggiornamento del Piano industriale 2024-2030
L'aggiornamento del piano industriale di Iren prevede investimenti lordi per 8,2 miliardi di euro, con il 60% destinato a investimenti di sviluppo e il 40% a mantenimento.
Green
Iren sponsor di CinemAmbiente, ambiente e clima al centro del racconto cinematografico
Quest’anno sono ben 76 i film presentati da 27 Paesi, in rappresentanza di 4 continenti. Ecco quali sono i temi.
Green
The Heat Garden: un'eccellenza di innovazione e sostenibilità all'Open House Torino
Quest'anno l'evento ha incluso oltre 150 edifici e 12 tour gratuiti, coinvolgendo anche l’impianto Iren esempio di innovazione e sostenibilità.