Rinnovabili

Come funziona Smartflower, l'innovativo impianto fotovoltaico installato nella centrale Iren di Torino Nord

13 novembre 2022

Energia pulita, innovazione e alta tecnologia: sono queste le linee di indirizzo che muovono l’operato del Gruppo Iren e che si concretizzano in soluzioni sempre nuove ed efficaci.

 

Ne è un esempio l’impianto fotovoltaico Smartflower installato nella centrale Iren termoelettrica di cogenerazione di Torino Nord: un vero e proprio girasole fotovoltaico che, proprio come il fiore a cui assomiglia, insegue il sole sia durante la giornata, da est a ovest, che durante le stagioni.

 

In estate si dispone su un piano quasi orizzontale e in inverno su un piano quasi verticale: in ogni periodo climatico i suoi grandi petali “smart” -  ricoperti da celle fotovoltaiche -  inseguono il sole.

 

Il progetto di ultima generazione conferma la crescente spinta innovativa che sta interessando il settore fotovoltaico -  come l’utilizzo delle celle in perovskite – e conferma la risposta efficace che l’energia solare può fornire nel processo di transizione ecologica in atto: Smartflower, ad esempio, consente di produrre il 40% di energia in più rispetto ad un impianto convenzionale. Ecco come funziona.

Che cos’è e come funziona l’impianto Smartflower

La tecnologia fotovoltaica sta compiendo grandi passi avanti nel settore energetico e rappresenta una delle strade più efficienti da percorrere per costruire il domani sostenibile, centrato sulle fonti rinnovabili e sul riciclo dei materiali dismessi necessari alla produzione di energia pulita.

 

Con questo obiettivo lo Smartflower è stato scelto dal Gruppo Iren: il suo accattivante design estetico si accompagna alla produzione efficiente di energia. Nella centrale Iren di Torino Nord l’innovativo impianto segue la luce solare immagazzinandola e restituendo energia pulita in maniera totalmente sostenibile e senza emissioni atmosferiche.

Un orologio astronomico consente all’impianto di seguire la luce solare anche in presenza di nuvole, ottimizzando la produzione di energia green fino a superare del 40% la produzione rispetto ai pannelli tradizionali.

 

L’efficienza è garantita un impianto di raffreddamento dei petali, possibile grazie alla circolazione dell’aria che tiene la temperatura dei petali fotovoltaici inferiore a 10°C, a differenza dei tradizionali pannelli utilizzati lungo le stringhe da campo o destinati ai tetti. Ciò consente allo Smartflower di lavorare al massimo delle sue possibilità, incrementando la produzione di energia del 5%.

Grazie alle celle fotovoltaiche monocristalline collocate sui petali, il fiore intelligente è capace di captare i raggi solari in modo ottimale in qualunque stagione, garantendo una produzione annua di 4.500 kWh.  Un dato significativo capace di fare la differenza per il territorio in cui Iren opera.

Il fiore fotovoltaico è definito smart non solo per la pratica e innovativa mobilità che gli permette di massimizzare la quantità di luce captata, ma anche per le molteplici modalità intelligenti di cui fa uso: l’impianto è dotato di un anemometro che, in caso di vento a velocità troppo elevata, fornisce un segnale all’impianto che provvede alla chiusura dei pannelli, riponendosi in sicurezza per evitare un danneggiamento dei pannelli.

Sventato il possibile pericolo, il fiore intelligente riapre i suoi petali ripristinando il suo consueto funzionamento. Inoltre la mobilità dei petali è funzionale alla pulitura degli stessi, grazie a spazzole presenti sui pannelli che adempiono allo scopo per via del movimento di rotazione di un petalo sull’altro.

 

Transizione ecologica, il ruolo strategico del fotovoltaico

Il fotovoltaico, per via della semplicità di installazione degli impianti, è ampiamente impiegato nell’ambizioso piano di miglioramento ambientale del Gruppo Iren.

Le soluzioni di Iren Smart Solutions, ad esempio, propongono la progettazione e installazione di impianti fotovoltaici su edifici residenziali, incentivando l’autoproduzione di energia elettrica in maniera conveniente e sostenibile. Ma non solo: alle soluzioni domestiche di fotovoltaico e solare termico proposte dal Gruppo Iren, si affiancano le grandi opere di sviluppo di impianti dedicati. 

Nell’ambito del territorio torinese dove sorge Smartflower lo dimostra anche l’impianto di accumulo del calore e solare termico di Mirafiori Nord: grazie all’integrazione dei sistemi di accumulo con i sistemi di produzione da fonti rinnovabili, rappresenta un esempio di piena sostenibilità ed evita ogni anno emissioni in atmosfera di circa 8.000 tonnellate di CO2. Un dato significativo capace di fare la differenza per il territorio in cui Iren opera.

Potrebbe interessarti

Green

Imprese come acceleratori dello sviluppo sostenibile: le strategie vincenti

Le aziende sempre più etiche che contribuiscono al raggiungimento della neutralità climatica: ecco di cosa c’è bisogno.
Green

Che cos’è la Just Transition e come diventa parte integrante di un'azienda

Lo sviluppo sostenibile non deve creare nuove disuguaglianze ma essere giusto e inclusivo: ecco cosa prevede la Just Transition.
Green

Sviluppo sostenibile: le sfide Esg di Iren per il 2023

Dodici temi proposti da Iren, in linea con l’Agenda 2030, tra cui individuare quelli più urgenti e strategici per imprese, istituzioni, mondo della ricerca.
Green

ESG Challenge: premiate a Genova le migliori tesi sulla sostenibilità

Un dialogo aperto tra mondo accademico, economico e istituzionale per dare forma al domani sostenibile e premiare le proposte dei giovani talenti.
Rinnovabili

Di cosa si è discusso alla Cop27, la Conferenza delle parti sul clima tenutasi in Egitto

Quali erano i presupposti da cui COP27 partiva e quali gli esiti raggiunti dal vertice internazionale sul cambiamento climatico.
Acqua

Che cos'è e a cosa serve un finanziamento Water Footprint: Iren prima in Italia a sottoscriverlo

Una nuova linea di credito da 50 milioni di euro, della durata di 5 anni, volta a migliorare l’uso sostenibile dell’acqua.