Green

Vacanze sostenibili: gli accessori green da mettere in valigia

18 agosto 2022

 

Ferragosto o settembre? Qualunque sia il periodo estivo prediletto per partire in vacanza, non è mai troppo tardi per viaggiare in modo ecologico e sostenibile. Una maggiore attenzione per l’ambiente, anche nei momenti di svago e relax, parte proprio dal fatidico “momento valigia”: scegliere di portare con sé prodotti che si possono riutilizzare e riciclare aiuta il Pianeta e alleggerisce gli spostamenti. 

 

Dalle giacche outdoor realizzate con materiali riciclati alle soluzioni plastic free nel rispetto dell’ambiente: gli accessori da viaggio green, oltre ad essere pratici, sono essenziali per vivere nuove esperienza di turismo responsabile senza rinunciare al comfort e al divertimento. Ecco 5 idee utili per stilare la lista di oggetti da viaggio da inserire nel proprio bagaglio sostenibile ed eco-friendly. 

 

Gli accessori da viaggio green, oltre ad essere pratici, sono essenziali per vivere nuove esperienza di turismo responsabile senza rinunciare al comfort e al divertimento.

Abbigliamento green: materiali riciclati per outfit comodi e sostenibili 

 

Spaziosi ed ecologici: per muoversi in libertà e affrontare lunghe passeggiate in montagna o in nuove città è possibile optare per giacche e zaini realizzati interamente in fibre naturali. "Orange fiber", ad esempio, è la fibra tessile ricavata dalle bucce degli agrumi, biodegradabile e sostenibile: attraverso le nanotecnologie l’olio essenziale di agrumi viene incapsulato e fissato sui tessuti, così le microcapsule presenti si rompono gradualmente, rilasciando vitamine sulla pelle. Non solo abbigliamento: se si valuta di trascorrere le proprie vacanze in campeggio, è da tenere in considerazione che anche i sacchi a pelo possono essere realizzati con materiali da riciclo – come cartone e cera d’api - resistenti e con un’imbottitura che sfrutta una tecnologia adatta all’isolamento naturale.

 

 

Involucri biodegradabili: alleati del packaging  

 

Evitare l’utilizzo della plastica anche nei momenti di convivialità: un’indicazione sempre valida e facile da seguire anche in viaggio. Agli involucri in plastica come la pellicola trasparente è consigliabile preferire -  per gli snack o pranzi a sacco -  soluzioni biodegradabili e naturali. Ne sono un esempio le pellicole realizzate con cera d’api: oltre a essere riutilizzabili sono anche lavabili e compostabili. Quest’ultima caratteristica, in particolare, rappresenta una tutela specifica per l’ambiente: quando si parla di imballaggio certificato e compostabile, infatti, si ha la garanzia che il sacchetto o la scatola si decomporrà completamente in un arco temporale compreso fra 6 mesi e 1 anno, in un contesto di compostaggio domestico o industriale, rilasciando sostanze nutrienti per il terreno. Per questo motivo gli impacchi in cera d’api rappresentano l’alternativa più ecologica per confezionare il cibo da asporto senza inquinare.

 

Borraccia termica: idratarsi nel rispetto dell’ambiente

Le bottiglie di plastica usa e getta che vengono disperse in ambiente naturale impiegano migliaia di anni a degradarsi: inoltre, la plastica che finisce in mare, rappresenta una minaccia per l’ecosistema e per gli animali marini che rischiano di ingerirla. Per scongiurare ogni minaccia ambientale, le borracce in alluminio o acciaio – come Iren Idra -  rappresentano una perfetta soluzione: sono resistenti, non provocano danni alla natura e permettono di tenere fresche le proprie bevande.

In commercio sono disponibili in diversi modelli, colori e materiali e possono essere personalizzabili. Un oggetto facile da reperire e anche da curare: per igienizzare e pulire più a fondo la propria borraccia ecologica si possono utilizzare aceto o acqua ossigenata. Basterà immergere la borraccia nell’aceto (o nell’acqua ossigenata) e lasciarla riposare per 10 minuti circa.

 

Beauty ecologico: saponi solidi e spazzolino in bambù 

Anche nel beauty l’attenzione all’ambiente è fondamentale e facile da tutelare: mentre i flaconi di shampoo e doccia schiuma in plastica occupano molto spazio e non sono sostenibili per l’ambiente, i saponi biologici solidi e 100% naturali sono molto meno ingombranti e decisamente più ecologici. 

Oltre una maggiore durata nel tempo, permettono di ridurre l’utilizzo di plastica perché non hanno imballaggi inquinanti. Ai benefici ambientali si aggiungono quelli relativi alla salute personale: i saponi biologici, infatti, sono privi di sostanze chimiche e quindi sono sicuri sulla pelle e per l’igiene personale. 

 

Da non dimenticare l’immancabile spazzolino da denti: ogni piccolo gesto può fare la differenza e, anche in questo caso, si può optare per la soluzione più ecologica evitando la plastica e scegliendone uno in bambù o altri materiali naturali che si possono facilmente riciclare perché biodegradabili. 

 

Viaggiare rigenera corpo e mente e, farlo senza danneggiare l’ambiente, è possibile: semplici accessori da viaggio lo dimostrano e aiutano a ridurre l’impatto ambientale dei propri spostamenti.

Potrebbe interessarti

Green

Trasporto pubblico flessibile e sostenibile: le navette a guida autonoma arrivano a Torino con il progetto SHOW

Dal capoluogo piemontese la prima sperimentazione di trasporto pubblico a guida autonoma in Italia
Green

Isole green e senza auto: le più belle da visitare in Italia e nel mondo

Vacanze in totale relax in luoghi silenziosi dove è vietata la circolazione dei mezzi a motore, lontani dal traffico e dall’inquinamento acustico
Green

Bandiere Blu 2022: quali sono le spiagge più sostenibili d'Italia

Anche per quest’anno il mare italiano è tra i più belli e puliti. 210 località si sono aggiudicate il riconoscimento di Bandiera Blu
Green

Orti urbani: cosa sono e perché fanno bene all'ambiente

Riscoprire gli spazi della città e dedicarli all’agricoltura: così le città diventano più sostenibili e inclusive.
Acqua

Emergenza siccità: da dove nasce e quali sono le sue conseguenze?

Nelle ultime settimane stiamo affrontando una delle più gravi crisi idriche in Italia ed Iren è scesa in campo per fronteggiare l’emergenza