Rinnovabili

#EVERYWH2ERE: il progetto europeo per l’innovazione nella filiera dell’idrogeno

18 luglio 2022

 

L’idrogeno verde rappresenta una delle nuove frontiere nel campo delle energie rinnovabili: si tratta di un vettore ancora poco esplorato ma dalle grandi potenzialità per un domani all'insegna della neutralità climatica. 

 

La preziosa risorsa green permette di immagazzinare energia che proviene da fonti pulite e che a sua volta viene trasformata in elettricità o diventa oggetto di combustione: su di essa la Commissione europea punta molto, per far sì che possa affiancarsi nel più breve tempo possibile al solare, all’eolico e all’idroelettrico come fonte primaria per abbattere le emissioni nocive.

 

Con questo obiettivo, nasce #EVERYWH2ERE: il programma lanciato dalle istituzioni europee per rendere l'idrogeno accessibile e agevolarne l’utilizzo nelle città europee. La mission finale è quella di implementare il vettore energetico green e a zero emissioni nel processo di decarbonizzazione: ecco cosa prevede l’iniziativa.

 

Cosa prevede il progetto europeo #EVERYWH2ERE

Il progetto #EVERYWH2ERE si fa promotore dell’utilizzo sperimentale dell’idrogeno nei centri urbani d’Europa: si tratta di un piano quinquennale che punta a trasformare le città in laboratori diffusi per la dimostrazione delle tecnologie di celle a combustibile ad idrogeno (FCH), testando il loro impiego in applicazioni di nicchia come i gruppi elettrogeni a servizio di cantieri, festival musicali ed eventi temporanei. 

L’obiettivo è duplice: promuovere la tecnologia e aumentare la consapevolezza dei cittadini sull’importanza dell’utilizzo del vettore verde nella quotidianità. Attraverso l’utilizzo pratico dei dispositivi a idrogeno, infatti, sono direttamente coinvolti cittadini, autorità, istituzioni e stakeholder industriali che possono testarne da vicino l’utilizzo a favore di aree urbane più sostenibili.

 

In questo modo, le città diventano effettivamente dei laboratori in cui sperimentare l’utilizzo dei sistemi di alimentazioni a zero emissioni, grazie anche alla collaborazione e alle competenze dei partner più autorevoli del settore.

Le città diventano effettivamente dei laboratori in cui sperimentare l’utilizzo dei sistemi di alimentazioni a zero emissioni, grazie anche alla collaborazione e alle competenze dei partner più autorevoli del settore

#EVERYWH2ERE: a che punto siamo

Lanciato ufficialmente nel 2018, il progetto si avvia quasi al raggiungimento del suo traguardo fissato per il 31 gennaio 2023.

 

A meno di un anno dalla fine, i risultati raggiunti sono decisamente positivi e illustrano nel concreto le potenzialità dell’idrogeno verde.

 

Nel corso degli appuntamenti dimostrativi sono stati utilizzati 8 generatori “plug and play”, ovvero sistemi a celle a combustibile che sono stati in grado di garantire a pieno lo svolgimento delle attività, in totale sicurezza e con un inquinamento atmosferico e acustico pari a zero. Inoltre, la taglia di potenza più grande dei gruppi elettrogeni, è in grado di assicurare una durata di 5000 ore: un dato promettente per i diversi impieghi della risorsa.

 

Gli ottimi risultati registrati dagli eventi di test danno il via alle prossime evoluzioni del progetto: prima della sua conclusione restano da individuare le ultime barriere tecniche da superare e poi si potrà procedere con la commercializzazione dei dispositivi programmata per il 2025.

 

 

#EVERYWH2ERE e Iren: insieme nella filiera dell’idrogeno  

 

Tra i protagonisti del progetto #EVERYWH2ERE c’è anche il Gruppo Iren: promotore dell’utilizzo sperimentale dell’idrogeno, ha messo a disposizione la sua partnership per l’evento “Idrogeno EVERYWH2ERE Come, Dove, Quando?” organizzato presso il Parco Nord di Milano da H2IT (Associazione Italiana Idrogeno e Celle a Combustibile) in collaborazione con i partner di #EVERYWH2ERE e Assolombarda.

 

I relatori hanno illustrato il funzionamento delle tecnologie e dei processi elettrochimici per la produzione e l’utilizzo del vettore idrogeno, assieme alle opportunità legate a un utilizzo mirato per ridurre le emissioni dei settori più inquinanti.

 

L’evento si è inserito all’interno della più ampia cornice delle iniziative parallele alla Pre-COP 26 dedicate alle opportunità, alle sfide ed ai progetti per il raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione attraverso l’utilizzo dell’idrogeno come vettore energetico: un appuntamento importante che ha riconfermato il protagonismo di Iren nel costruire ogni giorno il domani sostenibile.

 

Potrebbe interessarti

Acqua

Che cos'è e a cosa serve un finanziamento Water Footprint: Iren prima in Italia a sottoscriverlo

Una nuova linea di credito da 50 milioni di euro, della durata di 5 anni, volta a migliorare l’uso sostenibile dell’acqua.
Rinnovabili

Idrogeno verde, vettore chiave per la transizione ecologica: quali sono i campi di applicazione e i vantaggi previsti

Protagonista indiscusso della decarbonizzazione, il vettore verde si presta nel breve futuro a rivoluzionare molti settori: dall’industria ai trasporti.
Energia

Il ruolo centrale delle rinnovabili per affrontare la crisi energetica

La transizione ecologica verso le rinnovabili è la strada più virtuosa per rendere l’Europa autosufficiente dal punto di vista energetico, evitando la fluttuazione dei prezzi: ecco perché.
Acqua

Circular water: il modello di gestione che valorizza la risorsa idrica e contrasta l'emergenza siccità

Un nuovo paradigma che punta a valorizzare l’acqua e attuare un’azione di contrasto al calo delle risorse.
Green

Green jobs: cosa sono e perché sono fondamentali per costruire il domani sostenibile

Il mercato del lavoro si trasforma e nuove professioni diventano sempre più centrali per lo sviluppo sostenibile.
Green

Crediti di carbonio: come funzionano i token per azzerare la produzione di gas serra

Investire in progetti green permette di compensare le emissioni di CO2: uno strumento valido e innovativo per aiutare le aziende a raggiungere la carbon neutrality.