Green

Bluair, il polimero per la produzione sostenibile dell'acciaio green 

6 luglio 2022

 

La plastica è uno dei materiali più utilizzati al mondo poiché le sue caratteristiche distintive la rendono versatile e adatta a esigenze diverse: resiste nel tempo, è malleabile e compatibile con gli alimenti. Tuttavia, la produzione sovradimensionata di plastica e l’enorme quantità di rifiuti che ne deriva sono estremamente dannosi per l’ambiente: fagocitano l’habitat naturale e le specie che ci vivono.

 

Il riciclo è la strada più funzionale per invertire la rotta in chiave sostenibile e, per ridurre l’impatto ambientale della plastica e l’inquinamento atmosferico di cui è causa, è necessario mettere a punto nuove soluzioni di riciclo che rendano il processo di riutilizzo sempre più efficiente e capace di includere tutte le tipologie del materiale.

 

Le plastiche miste, ad esempio, sono generalmente escluse dai tradizionali circuiti di riciclo: un aspetto problematico che tecnologia e innovazione possono trasformare in opportunità. È ciò che accade nell’impianto I.Blu del Gruppo Iren a San Giorgio di Nogaro: le plastiche che non si possono riciclare vengono convertite nel polimero Bluair®, una materia prima seconda circolare brevettata che può essere utilizzata in sostituzione del carbone nel settore siderurgico. Ecco come.

Il polimero Bluair®: cos’è e quali sono i suoi vantaggi 

L’impianto Iren dedicato alla produzione del polimero Bluair® è stato inaugurato ad ottobre 2021 a San Giorgio di Nogaro, in provincia di Udine: unico in Italia per tipologia e tecnologia, rappresenta un esempio virtuoso di innovazione ed economia circolare e rafforza la leadership nazionale del Gruppo Iren nel recupero e riciclo degli imballaggi in plastica post-consumo.

 

Grazie a un processo innovativo le plastiche miste non vengono più disperse ma selezionate, trattate e trasformate in materia prima per il settore siderurgico: il polimero Bluair®.

Il polimero prodotto dall’impianto di I.Blu rappresenta una parte significativa delle soluzioni che porteranno alla decarbonizzazione dell’acciaio italiano e, attualmente, l’unica immediatamente disponibile

 

Prezioso e efficiente, Bluair® funge da agente riducente nel processo siderurgico e ottimizzatore nel processo della produzione dell’acciaio: può essere impiegato in sostituzione di carbone e suoi derivati, favorendo il processo di decarbonizzazione dell’industria siderurgica. Non solo: il polimero consente l’abbattimento delle emissioni di CO2 di oltre il 30% con la conseguente riduzione degli ETS (certificati di emissione) e il miglioramento della qualità delle emissioni del processo siderurgico. Un’opportunità vantaggiosa per le acciaierie, sia dal punto di vista delle performance economiche sia di quelle ambientali: come ha sottolineato Gianni Vittorio Armani, Amministratore Delegato e Direttore Generale del Gruppo Iren, “il polimero prodotto dall’impianto di I.Blu rappresenta una parte significativa delle soluzioni che porteranno alla decarbonizzazione dell’acciaio italiano e, attualmente, l’unica immediatamente disponibile”.

 

 

 

Bluair®, un ulteriore passo verso l’economia circolare 

 

L’impiego di Bluair® in sostituzione al carbone è un esempio virtuoso che testimonia come la gestione integrata dei rifiuti consenta di trasformare gli scarti in risorse: anche un sacchetto di plastica può trasformarsi in acciaio. 

 

I numeri parlano chiaro ed esplicitano le potenzialità del progetto: nell’impianto di San Giorgio di Nogaro, infatti, possono essere lavorate 115 mila tonnellate all’anno di rifiuti plastici non tradizionali per produrre 70 mila tonnellate all’anno del polimero Bluair®. 

 

A supporto dell’ambiziosa attività, oltre ai 12 milioni di euro già messi in campo per inaugurare l’impianto, è previsto un investimento di 9 milioni per un ulteriore ampliamento nel 2022: l’obiettivo è quello di allargare l’impiego del polimero Bluair® in altri settori come edilizia, chimica e petrolchimica. Un nuovo passo avanti nel percorso di transizione ecologica che Iren persegue ogni giorno.

Potrebbe interessarti

Acqua

Che cos'è e a cosa serve un finanziamento Water Footprint: Iren prima in Italia a sottoscriverlo

Una nuova linea di credito da 50 milioni di euro, della durata di 5 anni, volta a migliorare l’uso sostenibile dell’acqua.
Rinnovabili

Idrogeno verde, vettore chiave per la transizione ecologica: quali sono i campi di applicazione e i vantaggi previsti

Protagonista indiscusso della decarbonizzazione, il vettore verde si presta nel breve futuro a rivoluzionare molti settori: dall’industria ai trasporti.
Energia

Il ruolo centrale delle rinnovabili per affrontare la crisi energetica

La transizione ecologica verso le rinnovabili è la strada più virtuosa per rendere l’Europa autosufficiente dal punto di vista energetico, evitando la fluttuazione dei prezzi: ecco perché.
Acqua

Circular water: il modello di gestione che valorizza la risorsa idrica e contrasta l'emergenza siccità

Un nuovo paradigma che punta a valorizzare l’acqua e attuare un’azione di contrasto al calo delle risorse.
Green

Green jobs: cosa sono e perché sono fondamentali per costruire il domani sostenibile

Il mercato del lavoro si trasforma e nuove professioni diventano sempre più centrali per lo sviluppo sostenibile.
Green

Crediti di carbonio: come funzionano i token per azzerare la produzione di gas serra

Investire in progetti green permette di compensare le emissioni di CO2: uno strumento valido e innovativo per aiutare le aziende a raggiungere la carbon neutrality.