Green

Mobilità sostenibile: in arrivo la prima auto elettrica al mondo alimentata dai pannelli solari

20 luglio 2022

 

Muoversi in modo più ecologico e green per ridurre l’impatto ambientale dei trasporti: con questo obiettivo il settore della mobilità sta cambiando volto diventando non solo più sostenibile ma anche più smart.

 

Le auto elettriche sono ormai disponibili in diversi prototipi e nuove soluzioni di trasporto stanno nascendo dall’unione tra tecnologia e innovazione: dal prossimo novembre il mercato dell’e-mobility è pronto a essere rivoluzionato con la prima auto elettrica al mondo alimentata unicamente dall’energia solare. Si chiama Lightyear 0 e, dopo uno sviluppo durato ben sei anni, è pronta per essere presentata al mondo: ecco come funziona.

 

Auto elettrica con pannelli solari: come è fatta e cosa cambia

Lightyear è una start-up olandese nata proprio con lo scopo di produrre in serie una vettura elettrica che potesse implementare l’utilizzo dei pannelli solari per muoversi. La Lightyear 0 è stata presentata per la prima volta nel 2019 e si appresta finalmente a essere realizzata in una tiratura limitata di soli 946 esemplari. 

 

 

La nuova auto è in grado di effettuare gli spostamenti alimentandosi solo con i raggi del sole grazie ai pannelli solari disposti sul tettuccio e sul cofano per una superficie d’azione di cinque metri quadrati. Questi danno alla Lightyear 0 la possibilità di ricaricarsi utilizzando l’energia solare e, in estate, coprire completamente il tragitto medio di lavoro. Non solo nella modalità di “macinare” chilometri: Lightyear 0 è sostenibile anche nei materiali che la compongono. Quelli impiegati per la sua costruzione sono riciclati, vegetali e non inquinanti. La tappezzeria è prodotta a partire da bottiglie di plastica, il rivestimento dei sedili è in pelle vegana, mentre gli elementi decorativi sono costituiti da legno trattato in maniera sostenibile. Dalla modalità di ricarica alla sua composizione: l’innovativa auto elettrica rappresenta una vera rivoluzione nell’universo della mobilità sostenibile e consente di mettere a segno ulteriori passi avanti verso la transizione ecologica.

Lightyear è una start-up olandese nata con lo scopo di produrre in serie una vettura elettrica che potesse implementare l’utilizzo dei pannelli solari per muoversi. 

Come funziona Lightyear 0

La prima macchina elettrica al mondo a muoversi solo grazie all’energia pulita del sole permette di percorrere fino a 70 chilometri al giorno: prendendo in considerazione un intero anno, si possono ottenere – a seconda anche del clima – tra i 5000 e gli 11000 km di autonomia.

Non solo: l’auto è stata progettata per poter continuare a percorre chilometri su gomma grazie alla ricarica elettrica. Quando le celle solari esauriscono la scorta di energia, infatti, si innesca la ricarica effettuata presso le colonnine: un sistema a doppio filo che non si discosta dalla sostenibilità del funzionamento di Lightyear 0 e garantisce ai passeggeri un’autonomia di 560 chilometri.

 

I dati sull’efficienza variano in base alle località in cui si effettuano gli spostamenti. Nei Paesi più soleggiati come il Portogallo il test sull’efficienza è stato molto più alto rispetto a un territorio uggioso come quello dei Paesi Bassi: qui i chilometri percorribili con le sole celle solari sono circa 35. In Portogallo, invece, le prestazioni sono più che triplicate: in sette mesi Lightyear 0 ha percorso mille chilometri senza bisogno di essere ricaricata.

 

L’obiettivo della start up olandese che ha creato l’innovativa auto è chiaro: investire sull’utilizzo dei pannelli solari per ridurre la capienza delle batterie e limitare il loro impatto ambientale. Lo spiega bene Lex Hoefsloot, co-fondatore e CEO: 

 

Le auto elettriche sono un passo nella giusta direzione: entro il 2030 possiamo aspettarci 84 milioni di veicoli elettrici sulle strade della sola Europa.

 

 

Lex Hoefsloot, co-fondatore e CEO 

 

"Per ridurre al minimo la ricarica della spina e massimizzare l’autonomia, la strategia del settore, finora, è stata quella di aggiungere batterie. La nostra strategia ribalta questo approccio. Lightyear 0 offre più autonomia con meno batteria, riducendo il peso e le emissioni di CO₂ per veicolo”, Lex Hoefsloot, co-fondatore e CEO.

Potrebbe interessarti

Green

Crediti di carbonio: come funzionano i token per azzerare la produzione di gas serra

Investire in progetti green permette di compensare le emissioni di CO2: uno strumento valido e innovativo per aiutare le aziende a raggiungere la carbon neutrality.
Energia

Nasce Iren Green Generation, la nuova area di business del Gruppo dedicata allo sviluppo degli asset rinnovabili

La multiutility rafforza gli investimenti per la produzione di energie verdi con due nuovi impianti fotovoltaici nel Sud Italia
Energia

Tassonomia verde: cos'è e a cosa serve

La guida pratica stilata dalla Commissione europea per la classificazione delle attività green e gli investimenti sostenibili è al centro del dibattito attuale. Ecco perché.
Rinnovabili

#EVERYWH2ERE: il progetto europeo per l’innovazione nella filiera dell’idrogeno

Rendere accessibile l’idrogeno verde sperimentando il suo utilizzo nelle città europee: eventi, concerti e cantieri diventano laboratori per l’utilizzo di nuove fonti di energia.
Energia

Casa green: Iren Smart Solutions guida gli interventi di riqualificazione edilizia per uno sviluppo sostenibile e inclusivo

Soluzioni integrate e personalizzate per incrementare l’efficienza energetica degli edifici e generare un impatto sociale positivo per le persone che vi abitano.
Green

Distretti dell’idrogeno: i progetti previsti dal PNRR per la rivoluzione verde

Nelle aree industriali dismesse di 5 regioni italiane si lavora per la produzione e l’utilizzo dell’idrogeno verde a livello locale.