Parma: la raccolta porta a porta si fa intelligente

Nel 2012 è stato avviato a Parma un percorso per estendere il nuovo sistema di raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta a tutta la città. Si tratta di una trasformazione molto importante per la sostenibilità ambientale, per la salute e per una nuova cultura consapevole del nostro stile di vita.

Le zone in cui la trasformazione è già stata introdotta hanno considerevolmente incrementato la percentuale di raccolta differenziata, contribuendo a portare la percentuale cittadina al 53% e dimostrando che il sistema adottato, anche sulla base di uno studio fatto per Parma dal Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi), è estremamente efficace per il raggiungimento ed il superamento degli obiettivi minimi stabiliti dall'Unione Europea.

Il nuovo sistema di raccolta rappresenta un'innovazione ma anche un fattore di omogeneità rispetto al resto della città. Vengono attuati interventi volti a migliorare la qualità della raccolta degli imballaggi (separazione del vetro da plastica e barattolame) e ad accrescere l'intercettazione del rifiuto organico (per esempio: scarti di cucina, piccoli sfalci da giardino, fondi di caffè, etc.).

Il nuovo sistema, inoltre, è già predisposto per la futura applicazione della tariffazione puntuale; la consegna e l'associazione del contenitore per la raccolta del rifiuto secco residuo indifferenziato ad ogni singolo utente consente di prepararsi al metodo di tariffazione destinato a premiare i cittadini che producono meno rifiuti.

Contemporaneamente all'avvio dell'attività di raccolta differenziata porta a porta, si provvede alla rimozione di tutti i cassonetti stradali, con un evidente vantaggio per il decoro urbano. Abbiamo una grande opportunità: diventare un'eccellenza nel settore ambientale, così come lo siamo già in tanti altri settori che tutto il mondo ci riconosce. La raccolta separata del vetro permette di migliorare la qualità dei materiali raccolti e quindi percepire maggiori introiti dal Conai e ridurre la nostra bolletta. La raccolta dei rifiuti organici permette di avviare a riciclo e contestualmente di avviare a recupero la frazione umida da cui si produce il compost, un fertilizzante assai utile in agricoltura e floricoltura, oltre che ridurre la quantità di rifiuto secco residuo da inviare a smaltimento.

https://www.gruppoiren.it/iren_gruppo-theme/images Torna Indietro