Obiettivi economico finanziari

Il Piano Industriale prevede un sostanziale raddoppio dell’EBITDA con il raggiungimento di 1,8 miliardi di euro nel 2030. La significativa crescita dell’EBITDA è favorita dal contributo positivo di tutti i settori di business. Il maggior supporto alla crescita è garantito dalle attività regolate e semi-regolate, in particolare dal servizio idrico integrato e dallo sviluppo del teleriscaldamento, oltre che dall’incremento della capacità di trattamento e recupero dei rifiuti, dallo sviluppo delle rinnovabili e dallo sviluppo dei servizi di efficienza energetica e della base clienti energy.

L’incremento positivo dell’Ebitda si riflette anche sull’Utile Netto atteso pari a 500 milioni di euro.

Si conferma l’impegno di Iren verso un’equilibrata struttura del capitale finalizzata al mantenimento dell’attuale livello di rating dell’agenzia Fitch pari a BBB. Nonostante il significativo piano di investimenti, il profilo finanziario è previsto bilanciato in termini di PFN/Ebitda ratio che è atteso sempre inferiore alla soglia di 3,5x nell’orizzonte di piano. Il fabbisogno finanziario in arco piano è atteso costante con un lieve incremento nell’ultimo triennio. Tali esigenze di finanziamenti verranno gestite con gli strumenti più adatti per garantire una adeguata diversificazione di fonti ed investitori, privilegiando il ricorso agli strumenti di finanza sostenibile. Il costo medio del debito è atteso ridursi nei prossimi 10 anni, grazie al favorevole scenario dei tassi di mercato, assestandosi in un range pari a 1,4/1,6%.

    2020 2024 2026 2030 Cagr '30-'20
EBITDA mln € 927 1.250 1.450 1.800 7%
Reti mln € 496 550 650 870 6%
Ambiente mln € 173 290 350 430 10%
Energia (generazione,) mln €

98

230 230 260 11%
Mercato mln € 148 140 160 180 2%
Smart Solutions (eff. Energ., e-mobility) mln € 13 30 40 60 17%
EBIT mln € 415 560 660 950 9%
Utile netto di Gruppo mln € 235 330 380 500 8%
Posizione finanziaria netta/EBITDA x 3,2 3,3 3,1 2,5 -
Posizione finanziaria netta mld € 2,9 4,1 4,5 4,5 -