Di quello che getti
non buttiamo via niente.

Di quello che getti
non buttiamo via niente.

I rifiuti organici come opportunità

Frutta, verdura, gusci d’uovo, avanzi alimentari: tutto quello che viene raccolto in cucina può trasformarsi in un’importante risorsa per il nostro territorio. Grazie alla raccolta dei rifiuti organici, che costituiscono il 40% dei rifiuti urbani, possiamo infatti produrre l’energia necessaria per muovere centinaia di autobus e realizzare compost di qualità per concimare i raccolti.

Nella raccolta dell’organico sono compresi tutti gli scarti alimentari e altri rifiuti facilmente biodegradabili: avanzi di cibo crudo o cotto, bucce e scorze di frutta e verdura, piccoli ossi di carne e lische di pesce, stuzzicadenti, filtri di tè e tisane, fondi di caffè, gusci d’uovo, fiori recisi, foglie e tovaglioli di carta.

Attenzione! Carta e cartone puliti, imballaggi in plastica, vetro o alluminio sono rifiuti riciclabili, ma non vanno gettati nell’umido, mentre cere di formaggio, gusci di molluschi, capelli tinti, assorbenti e pannolini, filtri d’aspirapolvere e mozziconi di sigaretta devono essere gettati nell’indifferenziato per non compromettere una raccolta corretta.

Non sai come dividere i rifiuti al meglio?

immagine row 1

Il trattamento: dagli scarti alle nuove risorse

Nei nostri impianti innovativi dare ai rifiuti organici una nuova vita è una missione possibile. Come? Replicando il loro ciclo naturale di trasformazione, dapprima con la fase di trattamento anaerobico, dal quale viene generato il biometano, e successivamente con la fase di stabilizzazione aerobica, che dà vita al compost.

immagine row 3

Il biometano: energia pulita per le persone

Il biometano costituisce una forma di energia 100% rinnovabile e a impatto zero; più comunemente definito come “combustibile del futuro”, il suo utilizzo contribuirà a sostituire i combustibili fossili non rinnovabili ed eviterà l’emissione di circa 14 mila tonnellate all'anno di anidride carbonica nell’atmosfera.

immagine row 3

Il compost: nutrimento per la terra

Il compost è il prodotto del processo aerobico: un ammendante nobile, valido per le pratiche agronomiche, ricco di nutrienti ed impiegabile nell’agricoltura biologica, in quanto riduce l’impiego di risorse non rinnovabili utilizzate per produrre i fertilizzanti chimici. Puoi produrlo anche tu con il compostaggio domestico.

Risultati in linea con l’ambiente

L’obiettivo degli impianti è confluire in un modello di economia circolare, che riduce ed elimina lo scarto finale e differenzia le fonti di approvvigionamento di materia. Un’economia pensata per potersi rigenerare da sola, per utilizzare senza sprechi tutto il potenziale contenuto nelle risorse, e, al termine, chiudere il cerchio con la natura.

È questo lo spirito con cui nel Gruppo Iren, raccogliamo, trattiamo, recuperiamo energeticamente e smaltiamo rifiuti urbani e speciali in oltre 307 comuni, servendo un bacino di oltre 3 milioni di abitanti in 39 impianti di trattamento e smaltimento rifiuti che garantiscono il recupero di materia ed energia in piena sicurezza ambientale.

Un processo virtuoso che avviene anche grazie alla collaborazione dei cittadini: nei territori in cui operiamo si raggiunge il 69,3% di raccolta differenziata rispetto a una media nazionale del 61,3%.