Investors

Il Gruppo IREN emette un Bond per complessivi 500 milioni di euro

23 giu 2020

In data odierna Iren S.p.A. (rating BBB outlook stabile per Fitch) ha concluso l’emissione di un Bond decennale che consente di rafforzare ulteriormente la solidità finanziaria del Gruppo e di proseguire nel trend di riduzione del costo medio del debito. La provvista contribuisce a sostenere le attività in corso di sviluppo interno con la realizzazione degli investimenti previsti nel piano industriale, oltreché di crescita attraverso le operazioni di M&A.

Il collocamento obbligazionario effettuato (rating atteso BBB per Fitch) si caratterizza per un importo complessivo di 500 milioni di Euro a valere sul Programma Euro Medium Term Notes (EMTN) da 4 miliardi di Euro oggetto di Supplemento in data 22 Giugno 2020, approvato dalla Central Bank of Ireland e depositato presso il mercato regolamentato della Borsa Irlandese (Euronext Dublin) dove è quotato l’EMTN Programme.

 

I titoli, che hanno un taglio unitario minimo di 100.000 euro e scadono il 1 luglio 2030, pagano una cedola lorda annua pari all’1% e sono stati collocati a un prezzo di emissione pari a 98,144%. Il tasso di rendimento lordo effettivo a scadenza è pari a 1,198% corrispondente ad un rendimento di 135 punti base sopra il tasso midswap a 10 anni. La data di regolamento è stata fissata per il 1 luglio 2020. Si prevede che il nuovo Bond sia quotato sul mercato regolamentato della Borsa Irlandese (Euronext Dublin).

 

L’operazione di collocamento è stata curata da Banca IMI, Goldman Sachs, Mediobanca, Unicredit in qualità di Active Bookrunner e BBVA, Credit Suisse, Société Générale e UBI Banca in qualità di Passive Bookrunner.

L’operazione - ha dichiarato Massimiliano Bianco, Amministratore Delegato del Gruppo Iren - ci permette di mantenere una solida liquidità rafforzando la struttura finanziaria e ridurre ulteriormente il costo del debito in un contesto di forte volatilità e quindi di far fronte ai futuri fabbisogni finanziari derivanti dagli investimenti previsti e dalle opportunità di sviluppo derivanti da operazioni di M&A.

Leggi il comunicato completo in pdf